Home Fantanews Generale Partita di calcetto al Fantapilu

Partita di calcetto al Fantapilu

253
0

Come ogni anno molti degli amici fantapilusi si prestano per la consueta partita di calcetto post Asta. Alle 21 del giorno 18 Agosto vari presidenti si incontrano a Marcinà per disputare una amichevole all’insegna dello sport e dell’amicizia. A dimostrazione che il Fantapilu non è solo competizione ma anche divertimento.
In ordine in alto a sinistra: Giaquinta, Avellino (La Cupola), Ingrati M (Apoel Nicotina), Dott. Festa (Cineplèx), Speranza (Real 1908), Sità (Cantasant).In basso da sinistra: Licciardello (A.C. Picchia), Palmisani (EarthQuake Team), Pellegrino (Real Siderno), Ingrati D. (Apoel Nicotina). Di seguito le pagelle…

 

FANTAPILU 5°ed – 2009/2010 – PARTITA DI CALCETTO
LE PAGELLE dei Neri
NERI: PELLEGRINO E PALMISANI, CHE INTESA
Avellino, 35 anni. Punta centrale dei Neri, autore di 7 gol.
LAPRESSE
7 MIGLIORE IN CAMPO

AVELLINO
Sbaglia parecchi gol sotto porta ma si conferma punta di riferimento realizzando 7 gol e svariati assist. Corre, anima i compagni e da PESO alla squadra. Si permette anche di sfottere il portiere avversario. Lo stato di grazia in cui si trovava ha insospettito un pò tutti. Si attendono i risultati del test antidoping.

6.5
Orgoglio, buona difesa e attacco pungente. Tatticamente squadra perfetta aiutata da un portiere di alto livello.
Così in campo:
Pellegrino in difesa con Palmisani padrone del centrocampo. Avellino punta centrale supportato da Ingrati, laterale di fascia. Tra i pali Giaquinta.
Pellegrino 7

Un difensore puro. Marca a uomo senza permettere il tiro agli avversari. Ringhia ogni palla e non lascia mai scoperta la difesa. Raccoglie applausi con alcuni anticipi sul dottore. Ogni azione parte dai suoi piedi, alza la squadra e tenta anche la conclusione trovando due reti.

Palmisani 6.5

Se gli mancassero i capelli e avesse l’accento argentino lo potremmo scambiare per Cambiasso. Anticipa, copre e fa girare la palla. Gioca intelligentemente a centrocampo unendo difesa e attacco. Sfrutta le disattenzioni avversari rubando palla e trovando un gol in contropiede.

Ingrati D. 6.5

Realizza le stesse reti del compagno di reparto, ma da un ragazzo con la metà degli anni e dei kg ci si aspetta di più. Macina tanti km facendo su e giù sulla fascia destra. Al bisogno copre anche in difesa. Qualche ingenuità sotto porta ma nel complesso più che sufficiente.

Giaquinta 6.5

Subisce 6 gol ma ne para il triplo. E’ pronto su ogni pallone e da sicurezza alla squadra. Assistito da una buona difesa non poteva fare di più. Lascia gli avversari increduli.

LE PAGELLE dei Gialli
GIALLI: TUTTI AVANTI…POVERO LICCIARDELLO
Ingrati M., 26 anni. Difensore puro dei Gialli, autore di 2 gol.
NEWPRESS
7 MIGLIORE IN CAMPO

INGRATI M.
Il migliore della squadra. Fa sentire la sua stazza sul fratello avversario, vinceno la sfida personale. Spalla spalla non si passa. Grande volontà e tanta corsa, non molla fino alla fine ed è l’unico che da una mano al suo portiere. Realizza due gol e prova qualche tiro dalla distanza ma il piede non lo aiuta.

4.5

Disastrosa sul piano tattico. Il solo Ingrati non può gestire un intero reparto difensivo. Filtro di centrocampo inesistente. Attacco oscurato dal portiere avversario.

Così in campo:
Ingrati M. unico difensore. Vertice alto il Dottore, supportato da Sità a sinistra e Speranza a destra. Tra i pali Licciardello.
Speranza 5

Spesso in ritardo su palle attive e inattive. Inizia con una buona copertura ma dopo si dimentica che a calcetto serve anche difendere. Passano 15 minuti di gioco ed è già a corto di fiato e nel finale, con il sottofondo della colonna sonora del film “Ghost”, ci ricordiamo di lui per qualche gol realizzato ma che non può far dimenticare la sua opaca prestazione.

Sità 5

I piedi sono buoni e la tecnica non manca ma eccede nel portare palla. Troppi fraseggi con i compagni, a volte inutili. Non trova il gol ma realizza qualche assist decisivo. Anche lui, come il resto della squadra, si spinge in avanti lasciando il vuoto a centrocampo e in difesa. Qualche conclusione dalla distanza da dimenticare.

Il Dottore 6

E’ la punta della squadra, ma non è un diamante. Poco assistito dai compagni e colpevole nel 3° gol avversario, quello che fa allungare gli avversari. Quando ha la palla ci delizia con finezze sotto porta, allarga il gioco e se trova lo specchio calcia di precisione. Realizza due gol pregevoli e se non fosse stato per la bravura del portiere avversario forse avrebbe raccolto di più.

Licciardello 5.5

Subisce 19 gol ma la maggior parte non per sua colpa. E’ quasi sempre lasciato solo davanti a uno o due avversari che si prendono gioco di lui. Fa di tutto per non subire il tracollo ma senza difesa è impotente. La stazza c’è ma manca tutto il resto per fare il portiere!

CONDIVIDI

Commenta l'articolo se hai voglia...